“Fai bei sogni” di Massimo Gramellini

Schermata 2017-05-03 alle 09.52.41.png

Tenete a portata di mano i fazzoletti!

L’ho letto perché sì e perché spesso leggevo “Il buongiorno” di Gramellini su “La Stampa” e, a circa 30 pagine dalla fine, il mio inguaribile sesto senso ha lentamente iniziato a sospettare che la storia fosse autobiografica.

Gramellini ci regala il suo romanzo di formazione, scritto ed interpretato in prima persona con la tipica ironia, lo humor sottile e la schiettezza del giornalista. Lo garantisco, fra una lacrima e l’altra si ride.

Una terribile tragedia durante l’infanzia lo segna profondamente ed il segreto correlato ad essa, che gli viene nascosto, ne compromette l’elaborazione ed il superamento. Si parla di una perdita, di un vuoto incolmabile e dei mille modi in cui un’anima lacerata cerchi di ricomporre i propri brandelli.

Mi leggete spesso lamentarmi dell’insoddisfazione che mi lasciano i libri brevi. Rettifico. Dico piuttosto che sia molto più difficile condensare un ottimo libro in poche pagine, ma quello, amici scrittori, è affar vostro. ⠀⠀

Un consiglio spassionato: quando starete per finirlo, assicuratevi di avere vostra mamma a portata di abbraccio o telefonata. ⠀
Non dite poi che non vi avessi avvisati. 🎈 ⠀
p.s. non è bello il geranio che a due settimane in casa mia è ancora vivo? ⠀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...